Halloween e castagne

Un’amica premurosa mi ha suggerito di frapporre qualcosa fra una puntata di "Infallibile?" e l’altra. L’idea di mettere post con le pecore e la scritta "Intervallo" è stata bocciata… per cui vediamo di improvvisare.

Non sapevo se parlare di Halloween o raccontare un po’ delle cavolate che sento al lavoro… cercherò di fare entrambe le cose, nello spirito del minestrone!

In questi giorni sto sfogliando un libro uscito da poco per la Einaudi ("Halloween – Nei giorni che i morti ritornano" di tali Eraldo Baldini e Giuseppe Bellosi) in cui si cerca di dimostrare che questa specie di carnevale commerciale che abbiamo "importato" dagli USA in realtà ha radici europee, non solo nella cultura celtica, da cui derivano simboli e usanze, ma anche nel nostro Paese, in aree poco bazzicate dai Celti.
Molte pagine sono spese nell’indagare sulla ricorrenza della prima dozzina di giorni di novembre come periodo dedicato ad una sorta di culto dei morti, che poi si è cercato di cristianizzare introducendo la festa di Ognissanti (d’altra parte, il termine "Halloween" è la contrazione di "All Hallows Eve", la vigilia di Ognissanti).
E’ suggestiva l’immagine di questa temporanea dissoluzione dei confini che separano il mondo dei vivi dall’aldilà, con i morti che vengono a farsi un giro fra noi.
Presso le culture popolari questo "scambio culturale" viene ritualizzato in vari modi, sempre con un pizzico di apprensione. Molti gesti e segni esteriori sono una maniera di "esorcizzare" la paura.
Il concetto-base è quello di trattare bene questi strani ospiti, spesso fornendo loro vitto e alloggio.

Dalle mie parti è rimasta traccia di questa idea di rifocillare i poveri morti, sotto forma di piatti tipici da consumarsi in questi giorni.
Ad esempio, si usa fare il brodo con i ceci (e spesso farci una zuppa con il pane secco).
Anche le caldarroste, le castagne "saltate" in padella, che nel vogherese chiamano "bästärnà", sono, a quanto pare, parte della tradizione dei primi di novembre.
La cosa mi rammenta un’altra consuetudine delle mie parti per il giorno di Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio: quella delle castagne secche.
A casa mia venivano fatte bollire in latte e cacao. Le durissime castagne essiccate, che qualcuno chiama "ciuchin", diventano morbide ed il liquido di cottura, in cui si mischiano le fragranze di cacao e castagna, è una bevanda prelibata.

Parlando di castagne, mi è venuta in mente la fulminante battuta di un collega a pranzo, qualche giorno fa.
Un commensale, dopo abbondanti libagioni, vagheggia (e vaneggia) l’idea di una festa promossa dall’azienda in cui tutti insieme appassionatamente si fanno arrostire le castagne, una "castagnata aziendale".
Il collega, lapidario: "Sì, CON I MARONI DEI DIPENDENTI!" (da pensarsi pronunciato con spiccato accento emiliano)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

67 risposte a Halloween e castagne

  1. abreast ha detto:

    vabbè, dai… ci penso io!

    altrimenti gli amici a cosa servono? comunque se vuoi posso darti il mio contributo americano alla contrapposizione tra halloween e culto dei morti… quest’ultimo in messico è particolarmente sentito, molto più di halloween (che è una festa tipicamente statunitense) e, per lo meno nella capitale, si organizzano vere e proprie “commemorazioni di piazza” in grande stile…

  2. Pralina ha detto:

    Aaaaaaaaaaaaaaaaah… abreast, sta foto è bellissima… te la rubo subitooooo!!!!!!!!!!!

    Wilcoyote… la madre (delle feste) è sempre CELTA. Semper CELTA est.

    ^____________^

  3. wilcoyote ha detto:

    Grazie Abreast, così ho pure le pecore… be’, io sono un fan del pecorino stagionato 😉
    Sicuramente in Messico l’impulso consumistico è minore, resta più spazio per feste genuine.
    L’origine in tutti i casi è europea…

    Pralina, cos’è, la versione cinese del vecchio proverbio? eheheheheh!

  4. laura48 ha detto:

    Wil è verissimo, I primi a celebrare la festa di” Halloween” furono gli antichi Celti, in Irlanda.
    LAa notte del 31 ottobre, che segnava la fine dell’estate, venivano spenti i fuochi nei caminetti per rendere le case fredde e poco desiderabili per gli spiriti malefici mentre tutti gli abitanti si riunivano alle porte della città, dove un sacerdote accendeva un grande falò sia per ringraziare il dio del sole per il raccolto dell’estate passata, sia per spaventare e tenere lontani gli spiriti maligni.

    I Celti credevano che, il 31 ottobre, le anime di coloro che erano morti l’anno precedente, si riunissero per scegliere il corpo dell’animale o della persona in cui avrebbero dimorato per un altro anno, prima di passare nell’aldilà.
    Per spaventare queste anime vaganti si vestivano da: folletti, demoni e streghe ed iniziavano a sfilare per le vie facendo molto rumore e rompendo più cose possibili fino a raggiungere il falò

    Colui, che aveva l’avventura di essere accusato di possessione maligna, veniva sacrificato nel fuoco, affinchè servisse da lezione agli altri spiriti.

    I romani, nel 61 d.c. ripresero queste usanze, ma – avendo abolito i sacrifici umani- utilizzarono delle effici, che venivano chiamata “ Ushabti” dal nome dato dagli egiziani alle piccole statue, seppellite insieme al faraone e che rappresentavano le copie in cera dei servi ancora in vita, in modo che il defunto potesse essere servito anche nell’aldilà.

    ….la storia continua…..

    Un bacio

  5. wilcoyote ha detto:

    Laura, grazie per le notizie! E’ sempre bello saperne un po’ di più. La storia che racconti ricorda un po’ quella del capro espiatorio per gli ebrei, solo più cruenta.

    Un bacione.

  6. albatros900 ha detto:

    in tema di morti e ritorni, suggerisco -per chi volesse- la visione di uno splendido film perfettamente in tema con l’atmosfera: “Il carretto fantasma” di Victor Sjostrom (peraltro indimenticabile protagonista de Il posto delle fragole). è incentrato, appunto, su questo legame inscindibile tra chi va e chi resta…
    grazie per il contributo, wil. quanto alle castagne, spero avremo modo di…ehm…onorarle!
    ahahahahah

  7. katana78 ha detto:

    willll.. a me piacciono bollite…
    mmmm
    smack

  8. wilcoyote ha detto:

    Grazie, Alb, per l’approccio multimediale (se vuoi portarti una copia del film…).
    Castagne forever! 😉

  9. wilcoyote ha detto:

    Kata, e bollite in latte e cacao?
    …comunque, ottime anche lesse!

    Smack a te!

  10. DamadelSole ha detto:

    Ah, che bello Wil! Volevo proprio cheiderti di raccontarmi qualche storia sulle origini di Halloween :))) Il supporto di Laura anche è stato molto piacevole!! :))
    Mi piace leggerti! 🙂
    Un bacio grande grande!

    Roby

  11. wilcoyote ha detto:

    Roby, quando verrò da te ti farò una testa così sull’argomento, ok? 😉

    Un bacio enorme anche a te!

  12. albatros900 ha detto:

    ehi, mi hai dato un’idea: porto un film! (quello non l’ho in dvd…)

  13. Pralina ha detto:

    Guarda cosa mi ha regalato L0stangel… :)))

  14. wilcoyote ha detto:

    Alb, sono curioso 😉

    Pralina… un regalo che presuppone bagordi micidiali per Halloween!

  15. monicamarghetti ha detto:

    ahahahahahahah l’ultima frase è galattica:))
    Mario mi sono permessa di lasciarti qualcosa per te…da me con tutto il mio cuore!
    un bacio
    monì

  16. manuelscorpione ha detto:

    io avrei preferito l’intervallo…..

    ma no quello del gattaccio….

    un intervallo nel mio stile….

  17. manuelscorpione ha detto:

    mi dona la divisa da marinaretto???

  18. monicamarghetti ha detto:

    Manuel con la divisa da marinaio sei uno splendore (rido moltissimo)
    Wil un bacionotte
    monì

  19. wilcoyote ha detto:

    Manuel, è un intervallo un po’ movimentato, ma ha il suo… ehm… fascino 😉
    Ah, meglio la divisa dell’Arma!

    Monì, baciogiorno!

  20. laura48 ha detto:

    Ehi ci sarebbero due castagne anche per me? Ne vado matta.
    Un bacio

  21. Ilcristian ha detto:

    A casa mia s’è aperta la sagra della bestemmia perché il daddy ha toppato a prendere i Ceci (sai, per il 2 novembre).

    Per punizione sarà l’addetto alle castagne in ossequio alle tradizioni Vogheresi

    Buon Ponte
    Krs

  22. lo_struzzo_nero ha detto:

    lo sto immaginando eheh

    ciao bello buon primo novembre

  23. alebenfenati ha detto:

    impazzisco di gioia
    nel vedere i luridi
    che molto seriamente
    si fanno ancora più luridi
    per andrare a fare dolcetto o scherzetto

    (senti, sai che vuole marghetti da me?! …ha scritto un bellissimo post… gatta ci cova…)

  24. lo_struzzo_nero ha detto:

    allora ciauz ragazzi a tutti e due!

  25. guardianodimucc ha detto:

    Le fate bene voi le castagne!! buon serata e un abbraccio
    Antonio

  26. wilcoyote ha detto:

    Ma certo, Laura. Passi a prenderle? ;))
    Un bacio

    Krs, ahahahah! in che senso ha sbagliato a prendere i ceci?
    Domani a Medassino c’è la festa delle castagne…
    Ciao.

    Ciao Struzzo. Buon primo novembre (per quel che resta) anche a te.
    Da tutti e due.

    Ale, potevi accompagnare i luridi a casa mia. A loro davo il dolcetto, a te facevo lo scherzetto!

    Ciao Antonio. In realtà non le ho ancora viste, le castagne!

  27. monicamarghetti ha detto:

    ahahahahah Lale ha paura ahahahah non voglio nulla volevo farle capire che ho gradito la nuova divisa e beh le voglio anche bene!
    Mario diglielo ad Ale…

  28. wilcoyote ha detto:

    Monì, provvedo. Ma non è che poi Ale arrossisce?
    Benfa, me l’ha chiesto Monì… Ale, ti voglio bene!

    Ok?

  29. monicamarghetti ha detto:

    ok Wil sei un grande su di te ci si può sempre contare!!
    Ale che arrossisce?? naaaaaaaaaaa

  30. wilcoyote ha detto:

    Hai ragione, una faccia tosta come lei non può arrossire!
    (un’adorabile faccia tosta, neh?)

  31. monicamarghetti ha detto:

    adorabile sìsì (e con tutte queste coccole se non mi da un aumento io me ne vado per sempre…)
    notte dolce Mario
    monì

  32. wilcoyote ha detto:

    Monì, non te lo darà un aumento! Quante volte ti ho detto che con lei non servono le coccole, ci vuole un nodoso randello di rovere, maneggiato da un qualificato rapper sindacale! 😉
    Un baciogiorno 🙂

    Grazie, Struzzo. Quest’anno mi è andata bene!
    Ciao!

  33. monicamarghetti ha detto:

    non potrei mai colpirla con un bastone mai!!! allora tirerò la cinghia in fondo in Puglia ho mangiato tanto…;)))
    un bacio gigante
    monì

  34. Pralina ha detto:

    Ho l’acaro custode stamane che si è svegliato storto… sto starnutendo da due ore e mi sarei anche un po’ bacata la fava… :)))

    Ah! Scusa, buongiorno Wil.

  35. wilcoyote ha detto:

    Ma infatti, Monì! Tu sei troppo buona.
    Ci penso io a colpirla 😉
    Bacissimi a te.

    BacioAcaro? Mi ci manca solo quello…
    Povera Pralina, ci mancava l’allergia!

  36. Ilcristian ha detto:

    >Krs, ahahahah! in che senso ha sbagliato a prendere i ceci?<

    Nel senso che ha preso quelli tostati,ottimi da mangiare come se fossero arachidi ma non esattamente quelli per cucinare la pasta coi ceci… 🙂

    > Domani a Medassino c’è la festa delle castagne…<

    Se mi passava la febbre (Che, non so come, son riuscito a farmi tornare)…

    Buon weekend!!!
    Krs
    Ciao.

  37. katana78 ha detto:

    ALB WILL
    😮 P PRRRRRRRRRRRRRRRR

  38. wilcoyote ha detto:

    KATA & VIV:

    PPPPPPPRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!

    eheheheh!

  39. riuriuchiu ha detto:

    mario, cura te ipsum: anche a te si è rimpicciolito il carattere dei commenti!

  40. wilcoyote ha detto:

    Davvero? A me sembra rimasto uguale… mistero! D’altra parte, sono i giorni giusti!

    Ciao!

  41. Pralina ha detto:

    Buongiorno giornino giornetto, Mariolino Flanders.

  42. wilcoyote ha detto:

    Pralina, buongiorno, ormai buonasera, a te!

    Non seguo i Simpsons, che mi stanno pure un po’ sulle palle. Ho dovuto cercarmi info sul personaggio, il quale NON mi rispecchia in quasi nulla, a parte i momenti in cui si comporta da fesso.
    Bah!

  43. Pralina ha detto:

    Dai, non essere acido… lo so che non ti rispecchia, ma a me i Simpson stanno simpatici e poi “Buongiornino giornetto” mi ha condotto subito a Flanders come associazione, mica volevo dire che tu sei come lui, a parte gli occhiali… decisamente sono imbranata a fare i commenti… ne parlavo anche questa sera col mio collega di radio… dicevo… io vorrei fare una carezza e invece arriva come un’offesa, mi sto facendo il vuoto intorno perché riesco sempre a offendere qualcuno, si vede proprio che non ci so fare… meno male che lui mi ha detto “E io ti amo per questo” se no, mi sparerei… :(((

  44. Pralina ha detto:

    No, non è vero, non mi sparerei, questo mai, però se devo essere sincera sono molto triste, e credo (per tutta una serie di eventi che esulano da questa battuta scema di cui onestamente non me ne frega un fico secco) di essere totalmente inadeguata.

    Buonanotte Mario… un bacio e un sorriso, se li accetti… sono autentici… e sono miei.

  45. Pralina ha detto:

    Vabbè… senti, SCUSA se ti ho paragonato a Flanders. Mi vesto da cuore per farmi perdonare. E adesso chiudo prima che il magone diventi insopportabile… ciao!

  46. monicamarghetti ha detto:

    preso medicina..prima sono crollata adesso nonostante tutto mi ritrovo a scrivere…ti lascio un bacionotte a domani
    buona domenica amico mio
    monì

    ps…è bellissimo il cuore che ti ha lasciato Pralina;)

  47. wilcoyote ha detto:

    Su, su, Pralina, non ti far venire il magone! Non per i miei commenti, almeno. La spiegazione del tono un po’ ruvido sta nel fatto che, non seguendo le vicende dei tipi giallastri, non potevo collegare i saluti al personaggio!
    E poi non mi secca se mi fanno una battuta, al limite rispondo a tono!
    Bacio, sorriso e cuore sono deliziosi pensieri, invece! 🙂
    Che ricambio.

    Monì, riposati! Buona domenica anche a te, carissima.
    BacioGiorno 🙂

  48. monicamarghetti ha detto:

    non randellarmi…ho ancora una leggera emicrania e poca febbre;)
    un bacio e buona domenica
    monì

  49. Pralina ha detto:

    Ti faccio tenerezza così?

    Buongiorno Mario!!!!

  50. laura48 ha detto:

    Ti porto un sorriso ed un abbraccione.
    Buona domenica

  51. alebenfenati ha detto:

    WIL se in questi giorni incontri ingiro la MARGHETTI falle del male fisico da parte mia!
    sai cos’ha fatto?
    ha registrato un messaggio in segreteria in ufficio che fa così:
    “questa è una segreteria telefonica la segretaria telefonica è a farsi le unghie lasciate un messaggio PRIMA del bip”

  52. guardianodimucc ha detto:

    Will ti saluto. Il post l’ho gia letto prima. Un abbraccio
    Antonio

  53. wilcoyote ha detto:

    Monì, ci mancherebbe che randello qualcuno che ha il mal di testa! 😉
    Spero che ti passi tutto!
    Un bacio a te.

    Pralina… insomma! E poi, mi pare quella specie di foca stia sghignazzando!
    Va be’… buonasera, ormai!

    Laura, grazie. Un sorriso ed un abbraccione anche per te!

    CIAO fratellazzo! 🙂

    Ale, non barare: quello è il messaggio che lasciavi TU sulla segreteria nel tuo precedente lavoro, fino a che il principale non ha provato a telefonare…

    Hola, Antonio! Un abbraccio a te, carissimo.

  54. katana78 ha detto:

    ciao WIILLLLLLLLLL
    lio avete trovati poi i maroni?

  55. wilcoyote ha detto:

    Katuzza, mi sa che li troverò domani in ufficio… 😉

    No. O meglio, li vendevano arrostiti per Bologna, ma né io né Alb eravamo intenzionati a vendere un rene per pagarli.

    Baciotti!

  56. katana78 ha detto:

    esagerati… un rene per delle caldarroste???
    se venite da me ve le vendo per molto meno…
    un po’ di fegato?.. anc he se non mi manca devo dire

  57. wilcoyote ha detto:

    Il fegato l’ho mangiato stasera, con le cipolle.
    Non il mio, neh?

  58. katana78 ha detto:

    BUONO IL FEGATO CON LE CIPOLLE… anche il cuore …
    will ho deciso TI AIUTERO’ A DISINTOSSICARTI chiederò aiuto alla mia gemella, ADOTTEREMO CON TE UNA TERAPIA D’URTO
    AHAHAHAHAHHA

  59. monicamarghetti ha detto:

    sìsì Wil la terapia d’urto è necessaria Lale mente sono senza voce e non posso aver registrato un messaggio del genere….il male fisico non lo voglio voglio i buoni pasto da 5,20 euro al giorno!

  60. wilcoyote ha detto:

    Concordo, Kata.

    …una TERAPIA D’URTO? praticata da te e Viv insieme? seeee…

    Monì, anche tu ti ci metti? Certo che Lale mente!
    E non ti farò mai del male (fisico o no), tranquilla!
    Per i buoni, sono in trattativa con la Benfa, ma la vedo grigia. Ecco l’ultimo verbale degli incontri:

    wil: – Allora, siamo d’accordo, buoni da 5.20, ok?

    benfa: – D’accordissimo. Quando me li consegni?

  61. monicamarghetti ha detto:

    ho capito tutto..mi vedo costretta a passare da LALE e rassegnare rassegnarmi…

  62. wilcoyote ha detto:

    Aspetta, aspetta, Monì! Non rassegnare niente.
    …almeno prima concordiamo il TFR!

  63. profemate ha detto:

    Ciao wil… è tanto che non giro per blog, che non vi vengo a salutare nelle vostre casette! qui sembra di entrare dentro una telenovela… meno male che c’è l’intervallo! E pure di Londa qui vicno! A Napli fanno dei buonissimi torroni per i morti…loro sì che li sanno trattare altro che minestra di ceci… Bacione.

  64. wilcoyote ha detto:

    Buondì, Profe. Il suggerimento dell’intervallo me l’ha dato la saggia Monì, ma pensavo anche a te, che non ami le telenovelas ;))
    L’intervallo con le pecore l’ha offerto Abreast.
    Torroni per i morti? Fantastico! Be’, pare che millenni fa la bassa padana fosse invasa dai liguri, che forse hanno lasciato un retaggio di… braccine corte, per cui, zuppa coi ceci a tutto spiano (l’ho rifilata pure ad Alb).
    Un abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...