Negare

Il "Giorno della Memoria" è passato. La memoria è rimasta. Come, lo so bene, è rimasta a tutti coloro che il 27 gennaio hanno parlato con partecipazione dello sterminio nazifascista. Ogni giorno abbiamo modo di constatare, tristemente, come i moventi che hanno portato a quegli omicidi sistematici e burocraticamente organizzati siano ancora ben presenti. Come dimenticare?

Non mi importa se i versi di Primo Levi che riporto siano stati già citati milioni di volte. A mio parere, costituiscono la più potente esortazione a ricordare. Questa poesia ha la forza di una scrittura biblica. Ne ha anche la forma, a dire il vero: gli ultimi otto versi sembrano ricalcati sullo "Shema Israel", una delle preghiere principali dell’ebraismo (tratte da Dt 6 e Dt 11).

"Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi."

"Meditate che questo è stato".
Questo è stato. Sì, questo è stato.
E’ stato. Non è una favola, un mito, una leggenda metropolitana. Ci sono testimonianze concordi, prove materiali, documentazione. Confessioni di colpevoli.
Ci sono gli infami registri contabili di Adolf Eichmann e soci.
E ci sono coloro che negano che questo sia stato. In vari modi, più o meno sottili, insinuano e predicano che non è esistito un piano di sterminio sistematico per chi non era conforme alla visione di società del nazismo e del fascismo. Non solo ebrei, ma anche zingari, omosessuali, malati di mente, disabili, disadattati, oppositori politici…
I negazionisti più raffinati, come quelli di cui parlano le cronache di questi giorni, non negano i lager e le deportazioni. Negano che siano esistite le famigerate docce-camere a gas. E con questo, cosa vorrebbero sostenere? Che le deportazioni in campi di concentramento rientrano in canoni di umanità? Anche se non si fossero uccise centinaia di migliaia di persone con gas velenosi, il concetto non cambia. O sì? Far morire di stenti, di botte, di lavoro al di là del tollerabile un essere umano è più morale che ucciderlo con il gas?
Sulla questione "camere a gas sì o no?" si scrivono saggi, si tengono conferenze. Gli uomini che negano sono considerati, al di là del giudizio etico, intellettuali, pensatori.
Stronzate.
Sono solo infami farabutti. Persone che non hanno alcun amore per l’umanità, che credono nel potere esercitato anche con la violenza (ma forse è inevitabile che il potere contempli la violenza), nella disuguaglianza fra le persone e fra i popoli. Condividono il pensiero di Hitler, Mussolini e di tutti i loro epigoni, fino ai giorni nostri. Non c’è nessuna ideologia, nessuna filosofia dietro questa visione. Solo violento egoismo.
I negazionisti venuti alla ribalta in questi giorni sono uomini di chiesa. Non vuol dire una mazza, ovviamente. Nella chiesa non ci sono persone né migliori né peggiori delle altre. Ma per chi crede che la chiesa abbia preso in consegna il messaggio di Gesù Cristo è uno scandalo, uno dei tanti, che (presunti) fratelli cristiani la pensino come il duce, come il führer.
Un vescovo inglese, che già aveva preso le distanze da quel tentativo di riavvicinare la chiesa al suo progetto originale, parlo del Concilio Vaticano II, è noto per la sua opinione, sostenuta con l’autorevolezza della sua posizione, che le camere a gas nei campi di sterminio non ci sono mai state.
Un sacerdote italiano la pensa come lui, e lo esprime pubblicamente. Le camere a gas, per quel che ne sa, sono servite a disinfettare. Per quel che ne sa? E che cazzo ne sa? C’era? Viene il sospetto che per lui "disinfettare" significhi liberare l’umanità dall’infezione del non conformismo alla sua idea di società ordinata, ben educata, casa scuola chiesa lavoro. Soprattutto lavoro (e ringraziate quando ve lo danno! lo stipendio? che c’entra col lavoro?).
E Cristo dove sta, in tutto questo?
Farabutti, dicevo.

Voglio chiudere citando un testo molto noto, attribuito ad un religioso (ma niente a che vedere con quelli di cui ho scritto), il pastore protestante Martin Niemöller:

Prima vennero per i comunisti
e io non alzai la voce
perché non ero un comunista.
Poi vennero per i socialdemocratici
e io non alzai la voce
perché non ero un socialdemocratico.
Poi vennero per i sindacalisti
e io non alzai la voce
perché non ero un sindacalista.
Poi vennero per gli ebrei
e io non alzai la voce
perché non ero un ebreo.
Poi vennero per me
e allora non era rimasto nessuno
ad alzare la voce per me.

Ecco, questo ci dovrebbe insegnare la memoria: ad indignarci per i soprusi che patisce chi è diverso da noi. Se non altro perché un giorno dei soprusi potremmo essere vittime.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

46 risposte a Negare

  1. Pralina ha detto:

    Ciao Wil, finalmente mi sono ricordata di passare… :)))

  2. FireArrow ha detto:

    Grazie, Mario 🙂

    Vorrei che molti capissero cosa significa essere vittima di persecuzioni e quanto sia importante battersi (anche solo verbalmente) per aiutare coloro che non hanno voce per farlo.

    Io la chiamo, semplicemente, coscienza.
    Buonanotte :***

  3. utente anonimo ha detto:

    Hai perdettamente ragione: i negazionisti di oggi, non sono poi tanto diversi dai nazifascisti di ieri.

    Dobbiamo difenderla a denti stretti la memoria.

  4. Sogliolin ha detto:

    Un bacino di andata e di ritorno :*

    Buonanotteeeeeeeeee!!!

  5. wilcoyote ha detto:

    Ciao Sogliolìn! Bentornata!
    Un bacino anche a te :*
    …e buonanotte! :)))

    Proprio così, MavisGrind: la memoria va difesa contro i manipolatori. Difesa con tutti i mezzi, anche con la musica 😉

    Paola, chi non sa capire probabilmente accetta che qualcuno venga perseguitato, ha una coscienza immacolata, perché non la usa mai!
    :***

    Pralina, il tuo humour è sempre gradito da queste parti 😉

  6. SimoAcab ha detto:

    e la cosa triste è che guardandosi in giro non è poi cambiato tanto .

  7. wilcoyote ha detto:

    Temo sia così, Simo. Cambiano i metodi, non ci sono più (da queste parti) i dittatori di una volta… ma la materia prima, l’odio irrazionale e fomentato per il diverso, non manca.

  8. lanoisette ha detto:

    io ci sono stata, in quelle camere a gas.
    non si puùò negare l’evidenza.

  9. utente anonimo ha detto:

    una cosa credo uccida più dei forni du cui sopra: l’indifferenza…

    ciao willuccio :)))

    smak smak
    Iry

  10. wilcoyote ha detto:

    Noisette, non farti sentire dai negazionisti, ché poi ti prendono a dimostrazione che le camere a gas erano innocue! 😉

    Iry, purtroppo è così. L’indifferenza è più in auge che mai di questi tempi.
    Baciottoli :***

  11. Sogliolin ha detto:

    Ti voglio bene.

    Buonanotte Mario :*

  12. Sogliolin ha detto:

    Buongiorno vitaminico, Coyotìn 🙂

  13. alebenfenati ha detto:

    l’assurdo è che i carnefici non erano dei mostri di cattiveria erano persone come noi,
    mi fa molta paura pensare che abbiamo tutti delle linee d’ombra dentro spaventose

  14. wilcoyote ha detto:

    Buongiorno, Sogliolìn!
    …il mio buongiorno posso averlo proteinico? Non so, a base di salame, pecorino… :)))
    Grazie 🙂
    :***

    Ale, dici una cosa giusta. E’ un po’ il punto di vista di Hannah Arendt riguardo Adolf Eichmann in “La banalità del male”. Non un abnorme mostro sanguinario, ma un mediocre burocrate. L’ombra di cui parli esiste, ma può essere tenuta a bada dalla luce della ragione, mentre è alimentata dall’egoismo.

  15. Sogliolin ha detto:

    Un frigo-giorno? Vedrò che si può fare domani…

  16. pandora20 ha detto:

    Va bene che c’è la libertà di parola, ma certe stronz… non dovrebbero essere ammesse, sono ulteriori abusi a chi ha constatato, perdendo la vita, che purtroppo era tutto tremendamente vero!

  17. lo_struzzo_nero ha detto:

    Sono totalmente in linea con Te!

    Ciao ciccio

  18. riuriuchiu ha detto:

    sto riguardando una serie di film con i miei allievi; c’ è sempre da chiedersi quanto è stupida la razza umana…

  19. wilcoyote ha detto:

    Frigo-giorno? :DDD
    Frigo-notte, Sogliolìn!
    :***

    Pandora, come tutte le libertà, anche quella di parola termina dove lede la libertà degli altri. Soprattutto se la menzogna parla con il megafono mediatico e la verità viene rintuzzata in un angolo.
    Ciao, grazie!

    Grazie, Struzzo! Sei una persona intelligente e onesta, mi fa piacere leggere il tuo parere.

  20. wilcoyote ha detto:

    Riu, più che altro sono gli egoismi umani che, opportunamente focalizzati e amplificati, possono trasformare una persona qualsiasi in aguzzino. Il principale strumento di controllo e dominio consiste nel sostituire la ragione con slogan.

  21. Sogliolin ha detto:

    Abbello buongiornooooooo!!! (:P)

  22. wilcoyote ha detto:

    Buongiorno abbelli e abbelle 😀

  23. wilcoyote ha detto:

    Sogni d’oro e di vento, Sogliolìn! 🙂
    :***

  24. monicamarghetti ha detto:

    una lettura questa che fa riflettere e pensare la memoria va difesa!
    ti invio un abbraccio sincero!
    monì

  25. utente anonimo ha detto:

    WIL diffondiamo l’iniziativa del museo o deve rimanere una cosa per pochi intimi?
    e se è per pochi intimi bisogna arrivare in mutande e canotiera?

    lale

  26. Sogliolin ha detto:

    Buongiorno buongiorno buongiornoooooooooo dolcioso :)))

  27. utente anonimo ha detto:

    e, vè!
    ho perso una t in canottiera…
    bhè poco male visto che wil non conosce l’uso coretto delle dopie

  28. utente anonimo ha detto:

    la solita lale slog

  29. wilcoyote ha detto:

    Lale slogata, mi restituisca le dopie e le mutande!

    Buongiorno, Sogliolìn! :)))
    :***

    Ciao Monì! Grazie!
    Un abbraccio affettuoso anche a te.

  30. Sogliolin ha detto:

    Sì però…

    … che ti sorrrrrrrrrrrrrrridi pure te!!!

    Miciosogliobaubolo!!! Eh!!! Daaaaaaaaaaai…

    :DDDDDD

  31. Sogliolin ha detto:

    Povero moussin…

    😛

  32. wilcoyote ha detto:

    Ciao, Struzzino! :)))

    La mousse di mouse… mah! :DDD

    Buonanotte, Sogliolìn!
    :***

  33. Sogliolin ha detto:

    hahahahahhahahahahhaha

    Buonanotte!

  34. wilcoyote ha detto:

    Buongiorno, Sogliolìn!
    :*

  35. wilcoyote ha detto:

    :)))))
    Bellissima foto, Sogliolìn!
    Quel gatto mi somiglia 😉

    ‘notte!

    :***

  36. FireArrow ha detto:

    Mario! Ma da quando sei rosso striato?! :-)))))
    Buona domenica :***

  37. Sogliolin ha detto:

    Buongiornoooooooo Coyotìn-striato del mio cuore!!! :DDDD

    :)))))))

  38. wilcoyote ha detto:

    Buongiorno, Sogliolìn sirenetta :)))
    :***

    Paola, è che al lavoro mi mettono sulla graticola… :DDD
    :***

  39. alebenfenati ha detto:

    ancora sto post in sto post?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...