Benzina vuol così

Secondo un’accreditata leggenda della blgosfera, LaNoisette e IlBenza si sposeranno.

Una serie di circostanze mi ha fatto venire in mente di far loro una dedica musical-letteraria (ussignur…). So che il Benza, che è anche musicista, ha una predilezione per il death metal (o roba del genere). E magari Noisette, letterata, potrebbe apprezzare la commedia del ‘700 (qualcosa tipo la commedia dell’arte).

Ecco… la forma musicale più vicina al death metal con implicazioni drammaturgiche e matrimoniali che io conosca è l’opera buffa barocca, per cui è da questo genere che ho tratto la mia dedica. In particolare, ho pensato a “La serva padrona“, di Pergolesi.

Per chi ha seguito le gesta sul web dei nostri due eroi non sarà difficile immaginarli nella parte di Serpina e Uberto, protagonisti di questa breve opera, come appaiono nel videoclip che pubblico.

In due parole: Uberto, brontolone ma in fondo buono, si lamenta perché la sua serva Serpina non gli ha portato la cioccolata. Serpina, lungi dal dimostrarsi mortificata per la sua mancanza, risponde a tono a Uberto, zittendolo senza tante. Alla fine della storia i due si sposano. Ma chissà come sarà la vita matrimoniale di Uberto, se la vicenda inizia così:

Ho scelto l’incantevole interpretazione dell’altrettanto incantevole soprano Anna Moffo, che si rivela anche buona attrice. E’ una versione troppo divertente!

Per chi, comprensibilmente, fatica a capire cosa stia dicendo la cantante, ecco il testo dell’aria (le frasi sono ripetute più volte):

Stizzoso, mio stizzoso
voi fate il borïoso,
ma non vi può giovare.
Bisogna al mio divieto
star cheto, e non parlare.
E… zitto, zitto! Serpina vuol così.
Cred’io che m’intendete,
dacché mi conoscete
son molti e molti dì

Che peperino, ‘sta Serpina, eh? Sarebbe interessante scrivere la parodia di questo brano, con Noisette e Benza come protagonisti. Magari con la parte orchestrale sostituita da una band di heavy metal (Uberto è un basso, la sua parte potrebbe essere fatta in growl…).

Bene, ed ora state cheti, non parlate. E riguardatevi il video. Benzina vuol così! 😛

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

20 risposte a Benzina vuol così

  1. vnnvvvn ha detto:

    Te tu sei un grande 🙂

  2. monicamarghetti ha detto:

    per me tu sei Immenso Mario 🙂

  3. monicamarghetti ha detto:

    …e se poi Benzina vuol così… ora zitta guardo il video:)

  4. monicamarghetti ha detto:

    il video ora si sente eccome:))
    me gusta

  5. lanoisette ha detto:

    Anch’io ho la fossetta sulla guancia destra! 😀

    • wilcoyote ha detto:

      Ah sì? Sarà qualche forma di telepatia ad avermi ispirato proprio questa versione dell’aria di Serpina (versione che, secondo me, è una delle migliori in circolazione)? 😀

      Come te la cavi a cantare? 😛

  6. bianconerogrigio ha detto:

    Più centrato di così non si può. Sono proprio così … 🙂

  7. katherine ha detto:

    Benzina è meglio che cominci a prepararsi psicologicamente ad essere messo in secondo piano dall’energica consorte!

  8. ildiariodimurasaki ha detto:

    Come saràla vita di Uberto?
    Eccellente, se avrà l’accortezza di far comandare Serpina. E’ un punto su cui si insiste molto, nell’opera dl Settecento, ma naturalmente è un principio valido ancora oggi ^__^
    La Moffo in Pergolesi non l’avevo mai sentita, ma è proprio brava.

    • wilcoyote ha detto:

      Dici che fu così ai tempi di Serpina e Uberto come sarà ai tempi nostri con Noisette e Benza? 😉

      Concordo sulla Moffo. Di versioni dell’aria in questione ne ho sentite (e viste in video), ma questa le batte tutte.

  9. Anne de Beuil ha detto:

    La Moffo, che meraviglia! di recente alla Barcaccia su radio3 hanno fatto sentire quest’aria in diverse interpretazioni e la Moffo le sbaragliava tutte. Ma lanoisette non sarà da meno!!

  10. ilBenza ha detto:

    No ma cioè tu sei matto proprio. *_*

  11. wilcoyote ha detto:

    Su, su, Benza, non fare il modesto. Ricordo un… ehm… recitativo dal coinvolgente refrain “sono malato” che fa pensare molto all’Uberto dell’inizio del primo atto: questo

    😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...