A reti unificate (gli s-consigli culinari del coyote)

Una mattina, verso le nove, apprendo dell’esistenza dei “food-blogger”. Non è l’orario più adatto per aspettarsi da me rapide connessioni neurali. Inoltre, non è l’orario più adatto per parlarmi di cibo: in genere a quell’ora devo ancora fare colazione, per cui la prima cosa che mi sono immaginato è di intingere biscotti a forma di blogger (che forma ha un blogger? mmm… deve per forza avere una forma? meglio di no, meglio la varietà) nel tè.

Anime pietose mi hanno svelato l’arcano, spiegandomi chi era ‘sta gente dedita a informare le masse su chi, cosa e come mangiare le cose più svariate (e, forse, avariate). Bellissimo, penso io, ecco un nuovo modo che ha il mondo del web per liberalizzare e divulgare l’informazione.

E poi mi è venuto in mente che, ante litteram, pure io fui food-blogger. Eccovi un POST in cui dispenso originali consigli culinari.

Leggete, amiche e amici, e datemi un parere (specie se siete food-blogger)

Tranquilli, me la cavai con un paio di denunce per tentato omicidio e un’altra per apologia di reato 😀

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

26 risposte a A reti unificate (gli s-consigli culinari del coyote)

  1. vnnvvvn ha detto:

    Attentatore e creatore di ulcere!

  2. 'povna ha detto:

    Sarei potuta morire… Grazie!

  3. agrimonia71 ha detto:

    Siamo davvero tutti food-blogger 🙂 la tua ricetta era “forse” solo un po’ pepata.
    Nella mia zona le verze trovano giusta morte insieme alle costine 😉

  4. wilcoyote ha detto:

    Agrimonia, siamo praticamente conterranei (io vivo nella pianura dell’Oltrepò pavese), per cui anche da noi le verze vanno con le costine. Però, in quella circostanza, gli ingredienti a disposizione erano altri 😛
    (ah, mio padre riteneva che il piccante venisse dal pepe, in realtà si trattava di potente peperoncino di Cayenna|)

  5. Luigi ha detto:

    mi torna in mente la pecora (scoppiata) di Luigi e Tex!
    ciao

  6. ildiariodimurasaki ha detto:

    Oh, io trovo che un tocco di peperoncino sia l’ideale per ravvivare il pollo, che ha un gusto talvolta un po’ troppo delicato..
    (hai mai pensato di brevettare la ricetta e passarla alla NASA o all’ESA? Per spedire razzi in orbita mi sembra perfetta. Pure ecologica, oggi i combustibili “naturali” vanno di moda)

  7. la verza diabolique mi è sembrata di sicuro successo 🙂 mio figlio di dieci anni potrebbe tentare di replicarla conoscendo i suoi gusti… temo che per ravvivarla ci aggiungerebbe pure un po’ d’harissa

  8. rosenuovomondo ha detto:

    Io non sono e non sarò mai food blogger… sono cuoca per necessità domestica e a volte per piacere personale ma qui l’unica cosa che cucino sono le parole

    • wilcoyote ha detto:

      Eh, ti capisco. Anch’io cucino per alimentarmi, combinando casini a non finire. Ho usato spesso situazioni legate al cibo in racconti e, quando l’ho fatto, mi sono divertito parecchio. Sarà che sono una buona forchetta, sarà che amo ridere… 🙂

  9. Pingback: A reti unificate | La mia vita in Marocco

  10. posso ridere sguaiatamente? uahuahuahuahuah!!!
    grande!!!
    Piacere di conoscerti!

  11. wilcoyote ha detto:

    Prego, Teacher, accomodati e sganasciati pure ad libitum, il post c’è proprio (be’, c’è ANCHE) per questo.
    Mmm… seno, coseno… se ci spostiamo dalla metafora anatomica, mi sa che bazzichiamo uno “strumento di lavoro” simile 😀

  12. Pingback: La filiera dell’onda | Slumberland

  13. Pingback: La filiera dell’onda « Cazzeggio Libero

  14. Pingback: Non fermate l’onda | Mamma oggi lavora

  15. monicamarghetti ha detto:

    Ciao Mario un abbraccio ci si rilegge fra 11 giorni:)
    bacione
    moni

  16. katherine ha detto:

    Della serie: “Chi è senza peccato…”
    Simpatissimo quel tuo post culinario…mi sono letteralmente sbelliccata dalle risate e, di questi tempi, ne abbiamo tutti un gran bisogno!

  17. katherine ha detto:

    ops…a forza di ridere ho scritto anche simpatissimo al posto di simpaticissimo…vedi gli effetti del peperoncino virtuale ehehehehh!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...